Home / Guide / Cosa ti insegna lavorare nel mondo dei bambini?

Cosa ti insegna lavorare nel mondo dei bambini?

Potrebbe sembrare una banalità, ma lavorare con i bambini è una delle attività professionali più belle del mondo. Certo, ci sono anche dei lati negativi perché i bambini sono imprevedibili, ma nel complesso sono professioni dalle quali si ottengono molte soddisfazioni, alcune delle quali vanno oltre l’aspetto economico.

Indice contenuti

Come lavorare con i bambini

Qualsiasi lavoro che riguarda i più piccoli non deve essere sottovalutato. I bambini sono il nostro futuro e, in quanto tale, vanno trattati con i guanti. Non a caso a poter fare queste professioni sono in genere persone dotate di empatia.

Con i bambini, infatti, si impara certamente ad essere più pazienti ma allo stesso tempo è necessario avere un buon carattere. Ciò non toglie che occorre avere competenze specifiche che si possono acquisire tramite diversi percorsi di studi.

Una formazione che occorre fare perché i bambini, soprattutto fino a dieci anni di età, necessitano di persone qualificate al loro fianco: questa è la fase del loro sviluppo cognitivo e anche della formazione della loro personalità.

È quindi importante che le varie figure professionali svolgano un ruolo specifico e che alcune richiedano di affrontare un iter di studi universitario,

Ci sono però anche mestieri che non necessitano il conseguimento di una laurea, ma comunque delle competenze che si possono acquisire seguendo dei corsi formativi, come per esempio un corso di assistente all’infanzia online.

Diventare un’assistente all’infanzia

Come vi abbiamo detto sopra, se non si possiede un titolo universitario tramite un corso di formazione è possibile diventare assistente all’infanzia.  Si tratta di una figura professionale molto importante poiché svolge un ruolo di fondamentale importanza per la crescita psico-fisica dei più piccoli.

Vale a dire che è colui che organizza attività ricreative in modo efficiente e che aiuta il bambino nei suoi primi anni di vita organizzando gli spazi e le attività utili al suo sviluppo cognitivo.

Giocare per i bambini non è solo divertimento, è anche uno stimolo interattivo che sviluppa l’apprendimento e la socializzazione.

Si tratta perciò di una figura di supporto che però è fondamentale per la crescita del piccolo.

Altre figure professionali

Altre figure professionali che lavorano a contatto con i bambini sono:

  • logopedista: ovvero colui che si occupa dei disturbi del linguaggio. Per diventare logopedista è necessario completare il percorso di studi universitario e ottenere una Laurea in Logopedia;
  • educatore per l’infanzia: si occupa dei bambini da zero a tre anni e favorisce lo sviluppo delle loro competenze cognitive, motorie e affettive;
  • maestro della scuola d’infanzia: una figura professionale che possiede competenze specifiche per lavorare a contatto con i bambini dai tre ai sei anni di età;
  • maestro di scuola elementare (o primaria): specializzato nell’insegnamento per i bambini dai sei agli undici anni e in genere è colui che consegue una Laurea in Scienza dell’Educazione Primaria;
  • pediatra: non ci sarebbe vita senza questo professionista e per diventarlo è necessario completare un percorso di studi più complesso poiché occorre conseguire una Laurea in Medicina e Chirurgia e poi una Specializzazione in Pediatria Clinica;
  • assistente sociale: anche in questo caso serve una laurea, ma in Scienze del Servizio Sociale. Occorre anche essere iscritti all’Ordine degli assistenti sociali. Facendo questo mestiere si prevengono e risolvono situazioni di disagio sociale.

About Redazione

Check Also

Tenere una piscina pulita

I migliori strumenti per la manutenzione di una piscina

Tenere una piscina ben pulita e curata, giorno per giorno, è sicuramente il modo migliore …